DIETA MEDITERRANEA

La Dieta Mediterranea

La prima intuizione fu dello scienziato americano Ancel Keys (1904-2004), autore del libro Eat well and stay well, the Mediterranean way. Keys notò una bassissima incidenza di malattie cardiocircolatorie presso gli abitanti della Campania e dell’isola di Creta, nonostante l’elevato consumo di olio d’oliva, ed avanzò l’ipotesi che ciò fosse da attribuire al tipo di alimentazione caratteristico di quelle aree geografiche.

In seguito, prese l’avvio la famosa ricerca “Seven Countries Study”, basata sul confronto dei regimi alimentari di 12.000 persone, di età compresa tra 40 e 59 anni, sparse in sette Paesi del mondo (Finlandia, Giappone, Grecia, Italia, Olanda, Stati Uniti e Jugoslavia). I risultati dell’indagine non lasciarono dubbi: la mortalità per infarto cardiaco era più bassa presso le popolazioni mediterranee rispetto a Paesi, come la Finlandia, dove la dieta era ricca di grassi saturi. In uno studio pubblicato nel 2003 è stata classificata la dieta di più di 22.000 abitanti della Grecia. Durante i 4 anni dello studio è stato documentato, nelle persone che seguivano più rigorosamente la dieta mediterranea, un 25% di probabilità di morte in meno rispetto alla popolazione generale.

Caratteristiche principali della Dieta Mediterranea

  • Elevato consumo di frutta e verdura fresche
  • Elevato consumo di cereali (pane, pasta) e patate
  • Consumi adeguati di legumi (fagioli, piselli, ceci, lenticchie)
  • Uso dell’olio d’oliva per condire (crudo) e per cucinare (cotto)
  • Consumo di pesce, ma poca carne
  • Consumi moderati di latte e formaggio
  • Consumo moderato di vino, di solito ai pasti
  • Alimentazione basata su prodotti locali, stagionali, freschi
  • Stile di vita attivo

 

Olio d’oliva

L’olio extravergine d’oliva è un alimento che viene usato quasi esclusivamente nella cucina mediterranea al posto del burro, della margarina e degli altri grassi e rappresenta una ricca fonte di grassi monoinsaturi e di antiossidanti tra cui la vitamina E.

Frutta e verdura

È stato dimostrato che un elevato consumo di frutta e verdura svolge un’azione protettiva contro le malattie cardiovascolari e i tumori, grazie al contenuto di antiossidanti.

Pesce

Il pesce, in particolare quello grasso come le sardine, ha notevoli proprietà salutari per la presenza di grassi polinsaturi omega 33.

Vino

In tutta la regione mediterranea si beve vino con moderazione, di solito in concomitanza con i asti.Moderazione significa due bicchieri al giorno per gli uomini e uno per le donne. Il vino, in particolare quello rosso, contiene i polifenoli, sostanze con potente attività antiossidante.