OBIETTIVI

Il fatturato è aumentato ad un tasso medio annuo dell’11% dal 2004 al 2010.
L’agricoltura biologica europea copre quasi 8 milioni di ettari (un quarto della superficie biologica mondiale), interessa oltre 197.000 aziende (quasi il 10% del totale mondiale); il mercato europeo rappresenta metà del mercato globale.
La superficie biologica presticide-free europea equivale a quelle del Massachussets, Vermont, New Hapshire e Connecticut messe assieme.
L’Italia detiene il primato anche per numero di aziende: sono oltre il 24% di quelle europee, con ben 41.807 aziende agricole e 5.592 imprese di trasformazione e distribuzione (dati 2010).

Favorire la conoscenza dei requisiti qualitativi, salutistici e nutrizionali dei prodotti da agricoltura biologica e del sistema di certificazione comunitaria, consolidando e ampliando i consumi nei mercati dei paesi terzi (USA, Cina e Giappone). A tale scopo si punterà sul concetto che “OFOM è sicurezza e buon gusto per i consumatori”.

Lo scopo è anche quello di incidere favorevolmente sul livello di informazione dei consumatori e in particolare, degli operatori del settore, i cosiddetti “decisori”, per consolidare, incentivare e aprire nuove opportunità di mercato per i prodotti biologici europei. Informare il pubblico sulle norme comunitarie che disciplinano il metodo di produzione biologico (Reg. CE n. 834/2007) e il logo comunitario che attualmente lo contraddistingue. “OFOM è una garanzia”.